Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

Associazione  CDM  -  Centro Didattica Musicale -  Borgaro       DA SETTEMBRE APRONO LE  ISCRIZIONI!

Le voci PeriGolose

Descrizione immagine

La Giuria Internazionale

Coppa di Bronzo 


XXIX CONCORSO DI CANTO CORALE VERONA - 2018

CUCÙ e Contraponto

Descrizione immagine
Descrizione immagine

GANGS OF VERONA - 2018

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

Il Gruppo Vocale “Voci PeriGolose” è nato come laboratorio corale nel settembre 2011(il nome è stato usato per la prima volta nel dicembre 2011) da un’idea del suo direttore, pianista, cantante e artista eclettico, Franco Romanelli, all'interno di un progetto artistico - didattico più ampio “KORALIA-LA CITTA' DEL CANTO:Nessuno nasce stonato!” del CDM di Borgaro, scuola di musica all' avanguardia (fondata 25 anni fa dalla cantante Adriana Braida), di cui è il direttore artistico.

Inizialmente con pochissimi allievi/coristi conta oggi circa 15 elementi, tutti neofiti e senza particolari studi musicali e di vocalità.

Ha ormai all'attivo molti concerti e performance.

(Tra le varie esibizioni in particolare quella dell’ importante Civico Teatro Garybaldi di Settimo T.se all'interno dello spettacolo “Cyrano:l'Arte di Amare” a cura di Elena Ruzza, pluri-premiata attrice-regista di teatro ).

Inoltre le tre partecipazioni alla Festa della Musica di Torino.

(Recentemente, nel mese di aprile in occasione del 28° Concorso Internazionale di Canto Corale di Verona 2017 ha tenuto due concerti presso la chiesa di S.Martino B.A. e il Teatro Comunale di Cologna Veneta).

Anche se il coro-laboratorio Voci PeriGolose è nato con l'idea di spaziare attraverso i generi, mette al centro della sua ricerca principale il sorprendente e coinvolgente repertorio italiano e spagnolo del 1500, funzionale dal punto di vista stilistico e didattico, con contaminazioni e sperimentazioni cross-over, tra generi e altre discipline, affrontando anche quegli aspetti teatrali ed espressivi presenti nei singoli brani che erroneamente non sono presi in considerazione. Il tentativo è di rendere VISUALE la musica, e perciò scoprire e mettere in comunicazioni aspetti espressivi che sono trasversali alle varie epoche.

I coristi quindi, guidati dall'eclettismo del loro direttore, sono chiamati in questo progetto a rinnovarsi costantemente, sperimentare e curiosare nuovi aspetti, per esempio elementi di body-percussion che accompagnano il ritmo della parola, piuttosto che la teatralità della commedia dell'arte.

Perciò dalla Festa della Musica di Torino 2016, il coro ha presentato per la prima volta in pubblico una rinnovata veste STEAM-PUNK, per sottolineare la voglia di essere particolari VIAGGIATORI DEL TEMPO E NEL TEMPO, alla ricerca nel passato di embrioni di modernità.

 

Il particolare approccio artistico è soprattutto reso possibile dal fatto che i coristi cantano a memoria tutto il non facile repertorio (grazie anche ad un particolare approccio allo studio), cosa straordinaria per un coro, soprattutto considerando che praticamente nessuno aveva mai avuto esperienze musicali o corali.

L'idea è quella di permettere (soprattutto a chi non ha una vocalità particolarmente preparata), di far conoscere e sperimentare la bellezza, l'energia e l'enorme potenziale di divertimento del repertorio corale - a partire dal '500 -  e della voce cantata...e di nutrire la mente e lo spirito con golosità!!!! Ecco perché fanno parte dell'organico dall'operaio

all' imprenditore al professionista, allo studente,al rapper tutti uniti dalla passione per il canto (spesso scoperta frequentando il laboratorio) e una sana goliardia,da cui il nome.